Al Magi si ritorna alla vittoria: 4-1 al fanalino di coda Cantiano. Doppiette per Cinotti e Vegliò

Il Gabicce Gradara ritorna alla vittoria allo stadio Magi battendo il fanalino di coda Cantiano per 4-1. Il match si è chiuso nel primo tempo terminato sul 3-0 per la squadra  di Scardovi priva di Serafini e Sabattini (infortunati) e Vaierani (squalificato). Ha debuttato dal primo minuto Ulloa (2002), schierato inizialmente a sinistra nel 3-5-2. Sette gli under in campo della squadra ospite, tre per quella di casa.

Il Gabicce Gradara ha messo subito alle corde l’avversario. Al 2’ Grassi calcia a fil di palo da fuori su assist di Innocentini dopo una bella azione di Di Fino sulla destra. Al 5’ Cinotti serve Vegliò, il suo tiro è deviato in angolo sulla destra. Batte Costa e lo stesso Vegliò salta più in alto di tutti e di testa batte Giacometti: 1-0. Al 16’rilancio di Passeri, Cinotti fugge in contropiede e rimette al centro per Vegliò il cui colpo di testa è centrale. Al 25’ il raddoppio. Vegliò ruba palla a tre quarti campo destra, si invola, serve Cinotti libero centralmente al limite dell’area: è il 2-0. Al 29’ Grassi imbecca Di Fino sulla fascia destra, bel cross e Vegliò di testa spedisce a lato. Al 35’ il tris. Vegliò di destro da fuori area infila nell’angolo alla sinistra del portiere, su azione di Di Fino, assai efficaci nelle sue proiezioni sulla corsia di destra. Al 16’ punizione di El Karouachia fuori dal limite a lato.

Nella ripresa al 3’ Cinotti tira sull’uscita del portiere a centro area, la palla si alza, batte sulla traversa e rimbalza in campo e la difesa ospite allontana la minaccia. Al 12’ ecco servito il poker con Cinotti, che con una bella girata di prima intenzione sfrutta un preciso traversone di Vegliò dalla destra. Al 20’ entrano Intilla e Roselli per Cinotti e Vegliò e il Gabicce Gradara passa al  4-3-3. Al 26’ il Cantino accorcia le distanze – primo gol della stagione –  con Sebastianelli con una bella conclusione alla destra di Azzolini proteso in tuffo: 4-1. Nell’ultimo quarto d’ora l’arbitro ha annullato due reti alla squadra di Scardovi, di Maggioli e Roselli mentre nel finale – è uscito Grandicelli per infortunio. Nella prossima partita il Gabicce Gradara sarà di scena in trasferta contro i Portuali Ancona. 

IL TECNICO L’allenatore del Gabicce Gradara Massimo Scardovi commenta: “Era importante vincere per rilanciarci e ritrovare serenità e l’abbiamo fatto con una buona prestazione e il punteggio poteva essere più largo: almeno la rete di Roselli mi è parsa regolare. La cosa positiva è la doppietta dei nostri attaccanti Vegliò e Cinotti, mentre la cosa meno buona è l’infortuno alla caviglia di Grandicelli nel finale. Abbiamo interpretato bene la partita. Dobbiamo mantenerci sereni, il Gabicce Gradara se si esprime con la mentalità giusta, giocando il suo calcio senza intestardirsi, sa rendere la vita difficile a tutte le avversarie. La classifica è positiva: siamo a -3 dalla seconda”. Riguardo al modulo 3-5-2 dice il tecnico: “Da un lato con tre difensori centrali siamo più coperti in fase difensiva e dall’altro sfruttiamo al meglio le caratteristiche di Cinotti e Vegliò, due punte centrali che in questa maniera possono essere più pericolosi”. Una freccia in più all’arco del tecnico.

Il tabellino

Gabicce Gradara – Cantiano 4-1

GABICCE GRADARA: Azzolini, Difino,  Costa, Grassi, Passeri, Maggioli, Grandicelli, Innocentini (33’ st. Montebelli), Vegliò (20’ st. Roselli), Cinotti (20’ st. Intilla), Ulloa (42’ st. Uguccioni). A disp. Bulzinetti. All. Scardovi.

CANTIANO: Giacometti, Latmer, Soriani (1’ st. Rossi), El Karouachia, Berardi, Baldeschi (16’ st. Mattiacci), Arcangeletti (1’ st. Gettaione), Ciufoli, Sebastianelli, Duro (7’ st. Zanchetti), Romitelli. A dip. Masci, Salsiccia, Guidoni, Caselli, Gori. All. Romitelli.

ARBITRO: Serpentini di Fermo (Domenella di Ancona e Gianelli di Pesaro).

RETI: 6’ pt. Vegliò, 25’ Cinotti, 35’ Vegliò, 12’ st. Cinotti, 26’ Sebastianelli

NOTE: giornata di sole, spettatori 150 circa. Ammoniti: Berardi. Angoli: 7-1

Print Friendly, PDF & Email

   Invia l'articolo in formato PDF