Trasferta sabato sul campo dell’Osimo Stazione. Il tecnico Vergoni: ‘Giocare con coraggio’

Seconda partita della stagione per il Gabicce Gradara di scena sabato sul campo dell’Osimo Stazione (ore 15,30). Una sfida difficile, che la squadra di mister Vergoni affronta con la rosa non al completo come purtroppo accade dal precampionato. Assente il centrocampista Casoli, infortunatosi al ginocchio dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo nella ripresa, mancheranno anche l’under Gabrielli e probabilmente anche l’esperto difensore Lepri (guaio muscolare) mentre l’altro difensore over Varrella torna a disposizione. Da verificare le condizioni di Giunchetti, acciaccato.  Sarà probabilmente tra i convocati il difensore 2004 Cherubini, ultimo arrivato in casa Gabicce Gradara. Insomma, è emergenza per il tecnico almeno per quanto riguarda il reparto difensivo.

Mister Vergoni si attende dei progressi rispetto all’esordio, in primis nell’approccio la match. “Ho rivisto le immagini del match che hanno confermato la mia impressione: dopo una ripresa incolore l’atteggiamento mi è piaciuto, abbiamo messo alle corde il Villa San Martino chiudendolo nella sua metà campo – spiega il tecnico – poi è arrivato purtroppo il loro gol su palla inattiva come purtroppo ci è capitato altre volte che ha messo la partita in salita, una rete evitabile. Sotto questo aspetto stiamo lavorando per eliminare certi errori. La squadra ha reagito e ha recuperato lo svantaggio con una bella azione e il gol di Donati e questa è la nota positiva della giornata. Chiedo alla squadra di interpretare la partita con più coraggio, specialmente quando sei di scena su campi ostici”.

Si aspettava il lavoro di assemblaggio più semplice?

“Il gruppo è nuovo per la quasi totalità e anche io devo conoscere a fondo le caratteristiche dei giocatori, tra l’altro per vari motivi quasi mai ho potuto lavorare con tutti gli effettivi a disposizione e in alcune partite abbiamo pagato l’inesperienza. Quando la rosa sarà al completo e i giocatori con maggiore esperienza saranno inseriti, sicuramente faremo un salto di qualità”.

Ora si è fermato Casoli e si prospetta un lungo stop. In prospettiva come lo sostituirà?

“Le alternative ci sono, vedremo di sfruttare al meglio le caratteristiche dei ragazzi. Cambiare modulo? Non mi precludo nulla”.

Che gara si aspetta?

“E’ un test probante anche sotto il profilo caratteriale: affrontiamo una squadra giovane galvanizzata per il pareggio di Chiaravalle, in un ambiente caldo, con i tifosi attaccati alla rete e che fanno sentire il loro calore alla squadra. Dovremo essere bravi a non farci condizionare”.

Nella foto: Osimo Stazione-Gabicce Gradara della stagione scorsa

Print Friendly, PDF & Email

   Invia l'articolo in formato PDF