Al giro di boa trasferta dura: sfida alla big Urbania. Mister Vergoni: ‘Serve la partita perfetta’

Il Gabicce Gradara è atteso al giro di boa da un impegno molto difficile. Sabato, infatti, la squadra di mister Vergoni sarà di scena sul campo dell’Urbania, formazione retrocessa, e considerato un po’ da tutti come il più accreditato avversario del Montecchio nella corsa promozione.

Complice due sconfitte negli ultimi tre turni, invece, l’Urbania si trova al terzo posto a – 7 dalla leader con due punti in più del Gabicce Gradara, che nel frattempo è stato agganciato a quota 25 dal Sant’Orso, vittorioso nel recupero contro l’Osimo Stazione per 3-2.

 “E’ una partita complicata per il valore dell’avversario il cui  organico è di primo livello – spiega mister Vergoni – cito tra tutti Pagliardini, bomber di categoria superiore che ha già segnato 10 reti, i centrocampisti Braccioni e Paradisi, quest’ultimo promosso la scorsa stagione in serie D con la Vigor Senigallia. Sarà un’impresa fare risultato: in casa l’Urbania ha ottenuto 18 dei suoi 26 punti (sei vittorie e una sconfitta). Rispetto all’ultimo turno dovremo fare un salto di qualità sotto il profilo della mentalità, della concentrazione, dell’attenzione. Contro l’Olimpia Marzocca non siamo stati irreprensibili in fase difensiva sul gol subito su palla inattiva e su altre situazioni di gioco e nello stesso tempo non siamo riusciti a trasformare in gol delle buone azioni da rete che avrebbero richiesto una maggiore determinazione”.

Può avere inciso lo stop natalizio?

“Quando interrompi il ritmo inconsciamente ci si rilassa un po’, comunque abbiamo lavorato a fondo per mettere benzina in vista della parte finale del campionato e sono certo che quel lavoro ci tornerà utile più avanti”.

Comunque nelle ultime cinque giornate la sua squadra è quella che ha ottenuto il maggior numero di punti, undici…

“Abbiamo una serie di sette risultati utili con cinque vittorie e due pareggi con sette gol segnati e due soli subiti: abbiamo fatto uno sforzo importante. E’ anche vero che abbiamo pareggiato contro cinque delle ultime sei che tuttavia abbiamo affrontato in momenti diversi sia per noi sia per gli avversari; il pareggio che più di tutti mi sta indigesto è quello con il Biagio Nazzaro”.

Tornando al pareggio contro l’Olimpia, Domini è uscito per un guaio muscolare dopo qualche minuto. Può avere inciso l’assenza di un giocatore della sua personalità?

“Chiaro, la sua presenza si fa sentire, ma il nostro organico ha le risorse per dare sempre il meglio e anche prima del suo arrivo abbiamo collezionato tre vittorie di fila”.

Siete stati acciuffati al quinto posto dal Sant’Orso…

“E’  positivo che l’Osimo Stazione sia stato tenuto lontano perché come ho già detto è un attimo ritrovarsi invischiati nella zona calda. Il primo obiettivo è raggiungere quota 40 il prima possibile”.

All’appuntamento il Gabicce Gradara si presenta senza l’infortunato Domini e l’under Cherubini. E’ possibile che il tecnico preveda qualche accorgimento tattico per rendere la vita più dura all’avversario.

Print Friendly, PDF & Email

   Invia l'articolo in formato PDF